Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
Menù Principale
· Home
· Forum
· Link
Statistiche
Questa pagina oggi ...
totale: 0
visite uniche: 0

Questa pagina totale ...
totale: 549
visite uniche: 396

Sito ...
totale: 4668631
visite uniche: 303110
Online
Ospiti: 5, Utenti: 0 ...

Massimo numero di utenti in linea 62
(Utenti: 0, Ospiti: 62) il 15 gen:11:55

Utenti: 142
Ultimo iscritto: ik4anj
Aggiunte recenti
Credits
Cloud Image Taken by Dave Wicks.

Copyright Radio Club Trieste © 2011 - 2018 info©radioclubtrieste.it
This site is powered by e107
Mods by IV3HMM iv3ikn©gmail.com
Forum
Radio Club Trieste :: Forum :: Zona OM :: Qrp
 
<< Discussione precedente | Discussione successiva >>
Radio in Montagna
Moderatori: IV3HMM, IV3BNY
Autore Messaggio
IV3CJG
sab 31 mar 2012, 11:37
Ospite
Le chiamate dalla montagna che, con i suoi 4810 metri complessivi di quota rappresenta la cima più alta d’Europa, inizieranno, nei programmi dei due OM-alpinisti, alle 14 UTC. Si partirà dalla banda dei 20 metri (primaria 14.277 kHz USB, secondaria 14.287). Dopo un’ora, alle 15 UTC, passaggio in 40 metri (primaria 7.167 kHz LSB, secondaria 7.177 kHz). Alle 16 UTC, quindi, l’attività si sposterà sui 3,6 MHz (primaria 3.667 kHz LSB, secondaria 3.677). Una pausa operativa di un’ora e quindi l’avventura dei due colleghi (è possibile che nei prossimi giorni si aggiunga un terzo operatore, ma questo dettaglio è da confermare) prevede ancora sessanta minuti in 80 metri, dalle 18 alle 19 UTC, sulle stesse frequenze del “turno” precedente.

Ovviamente, tenendo conto della molteplicità di variabili che potrebbero influenzare tale pianificazione (in particolare riguardo a difficoltà dovute alla logistica che potrebbero causare slittamenti di orario) a tutti i colleghi a casa sono richiesti un po’ di pazienza e tanta voglia di ascoltare. In fondo, non capita tutti i giorni di poter effettuare un QSO con una stazione su un ghiacciaio. Per quanto riguarda le frequenze segnalate, sappiate che, qualora esse dovessero rivelarsi occupate, le chiamate avverranno su un canale libero nell’intervallo tra primaria e secondaria. L’attività, al momento, è prevista in isofrequenza e se dovesse rendersi necessario lo split, sarà l’operatore a annunciarlo durate l’attivazione.

Collocandosi, la zona dell’attivazione, in territorio francese, le chiamate verranno effettuate come F/IZ2RLJ e F/IK1RGI. La formula completa della chiamata è: “F/Ixxxxx/QRP, F/Ixxxxx/QRP attivazione ghiacciaio Mer de Glace – quota 4000 – Monte Bianco – QRZ”. Sulle bande dei 20 e dei 40 metri, oltre all’italiano, la stazione chiamerà in inglese.

La spedizione ha una finalità scientifica non legata solo al radiantismo. Infatti, la dottoressa Beatrice Rossi effettuerà alcuni rilievi biometrici sul gruppo di alpinisti e sulle guide alpine facenti parte della spedizione. Chiuse le trasmissioni, i partecipanti all’attivazione pernotteranno in quota e provvederanno, infine, a smontare il campo (“curando di non lasciare alcuna traccia del passaggio”, sottolineano orgogliosamente gli organizzatori). La discesa avverrà sciando attraverso la Mer de Glace, un ghiacciaio di oltre sette chilometri, con destinazione Chamonix.

Dal punto di vista tecnico, la stazione che verrà attivata si compone di un ricetrasmettitore Yaesu FT-857, alimentato da una batteria AGM da 17 ampère e collegato a un altoparlante Icom SP24. Il sistema d’antenna prevede l’accordatore della SGC 237, del cavo in rame argentato DXWP e venti radiali da dodici metri ciascuno in rame ricotto (scelto per la sua scarsa fragilità). A consentire di issare il cavo che compone l’antenna sarà un palo telescopico da dieci metri, sostenuto da un supporto da piantare in terra (di quelli usati per l’attività di pesca sportiva).

Ancor più di ciò che compone la stazione è però interessante la soluzione scelta da Elio e Max per il trasporto. Compiere un’ascensione a tale altitudine significa non potersi permettere veramente del peso superfluo e dover limitare al massimo l’ingombro. Pertanto, lo “radio zaino” allestito (e già testato negli scorsi week-end) è totalmente cablato con connettori da pannello: caricabatterie, alimentazione a batteria, eventuale alimentazione esterna e connessione DC all’accordatore passano da lì. Più di molte parole, tuttavia, può essere interessante consultare questo documento .pdf predisposto da Elio che documenta la preparazione dello zaino. Le informazioni aggiornate sulla spedizione, invece, sono qui.

Vi renderete conto, leggendolo, come a spingere Elio e Max sia una passione che, unendo il mistero della radio e la sfida interiore dell’alpinismo, è decisamente forte e genuina. Un sentimento che sarà bello ricambiare consentendogli quanti più QSO possibile!

Torna ad inizio pagina
 

Salta:     Torna ad inizio pagina

RSS discussione: rss 0.92 RSS discussione: rss 2.0 RSS discussione: RDF
Powered by e107 Forum System
I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge. I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge.
Render time:0.0491sec0.0097di queries.